26 marzo 2017

Trucazzano: mobilita’

Trucca4

Trucazzano: si parla di mobilità sulla Rivoltana.
24/3/2017

Per completare la conoscenza del territorio dell’Adda Martesana in tema di mobilità dopo Pantigliate, Paullo, Peschiera Borromeo e gorgonzola sono stata ad un incontro a Trucazzano: Paullese Cassanese e Rivoltana!
Ringrazio gli amministratori e Legambiente per avermi coinvolto

Riporto dal sito di Legambiente/prolunga_la_metro un ottimo riassunto della serata che riporto : link

“ECCO COME MIGLIORARE IL SERVIZIO DI AUTOGUIDOVIE: PARLANO I SINDACI DI TRUCCAZZANO E DI CASSANO D’ADDA. ED ANCHE I DATI DEL NOSTRO SONDAGGIO, NATURALMENTE.”

Venerdì sera abbiamo partecipato ad una bella occasione di confronto a Truccazzano. Erano presenti, in qualità di relatori, il locale Sindaco Luciano Moretti, il primo cittadino di Cassano d’Adda e consigliere metropolitano Roberto Maviglia, la consigliera regionale Silvia Fossati e la rappresentante dei Circoli Adda Martesana di Legambiente Erika Grandi.

La serata si è aperta con l’intervento del “padrone di casa” Moretti. Egli ha focalizzato gli aspetti crsindaciitici del collegare i vari nuclei urbani del proprio comune (Albignano, Corneliano, Cavaione e Truccazzano stesso) tra loro ma anche di veicolare il traffico delle linee di autotrasporto verso le stazioni del passante ferroviario di Cassano e Trecella piuttosto che verso la strada Rivoltana e Melzo. Moretti ha anche poi chiesto una maggior attenzione ai servizi ed alle corse per gli studenti medi, troppo spesso costretti a fare sacrifici non accettabili per raggiungere casa al termine delle lezioni.

A seguire è intervenuto Maviglia. Nella sua qualità di consigliere metropolitano ha descritto le difficoltà (economiche ed organizzative) ed i ritardi che han portato l’Agenzia per il Trasporto Pubblico del bacino a divenire realmente operativa solo da poche settimane. L’aspettativa ora è che questo nuovo ente – deputato alla programmazione, all’assegnazione ed al controllo dei servizi di autotrasporto – recuperi il tempo perso e possa procedere entro la fine dell’anno a stilare il nuovo piano di bacino e ad emettere i nuovi bandi di gara per le concessioni dei vari servizi nel 2018. Questi 2 “passaggi” risulteranno fondamentali; il primo per assicurare che le esigenze dei territori vengano tenute in debito conto ed il secondo per garantire che i servizi siano eserciti in modo migliore e più integrato rispetto al passato. Come Sindaco di Cassano Maviglia poi ha posto il tema del collegamento tra il centro abitato e la stazione ferroviaria. Serve una navetta il cui capolinea coincida proprio con il luogo in cui passano i binari della linea delle FS Milano-Treviglio, e/o la revisione del percorso della linea Z405.

La legambientina Erika Grandi ha illustrato i dati del nostro sondaggio su Autoguidovie. Quest’ultimi hanno colpito la platea ancora una volta, ed hanno mostrato a tutti le motivazioni pur cui il servizio è così scarsamente attrattivo. Del merito di questi numeri, nei precedenti post qui pubblicati, abbiamo ampiamente parlato negli ultimi mesi e ad essi vi rimandiamo per la loro conoscenza. Grandi ha concluso ponendo l’accento sul diritto alla mobilità di tutte le fasce della popolazione, anche e soprattutto le più deboli, che non può essere ulteriormente mortificato.

Silvia Fossati poi ha approfondito il tema del difficile avvio d’attività della Agenzia TPL di Milano, Lodi, Pavia e Monza . Mancano risorse materiali ed umane – ha detto – per garantire gli stessi livelli di servizio attualmente erogati. Ciò è da imputare principalmente alla Regione che non ha ancora trasferito i fondi per l’anno corrente all’Agenzia per i servizi. Ma ciò è anche da imputare agli altri enti azionisti di Agenzia TPL, cioè alle Province ed ai comuni capoluogo, per il mancato conferimento del personale alla nuova struttura. Fossati ha infine auspicato che la nuova Agenzia possa anche creare un coordinamento con Trenord per l’integrazione dei servizi, delle tariffe e degli orari delle corse tra treni e bus nei vari territori.

Si è dato poi spazio agli interventi del pubblico presente in sala, una decina in tutto. Tra gli altri hanno parlato l’Assessore alla mobilità di Settala Claudio Ferretti ed il presidente del Circolo Arcobaleno di Legambiente Alessandro Meazza. Il primo, che oltre ad essere un amministratore locale è anche un conducente di Autoguidovie, non ha risparmiato critiche alla sua azienda per come sono stati organizzati servizi e linee e scelti i capolinea e gli hub. Egli ha fatto l’esempio eclatante della disparità tra Liscate ed i comuni limitrofi proprio in termini di frequenza di corse effettuate e di coinvolgimento di quel piccolo centro (circa 4.000 abitanti, ..) in molte, troppe linee. Il secondo ha ricordato che a tutt’oggi in Lombardia si spende più di un miliardo di euro l’anno per il trasporto pubblico. Non una cifra banale, quindi. Certo altro ancora servirebbe, anche per assicurare un maggior investimento sul hinterland milanese e sulle altre province visto che ben 650 milioni circa sono destinati alla sola città di Milano. Ma servirebbe anche una attenzione maggiore alla qualità dei servizi resi dalle società di trasporto a cui è legittimo chiedere di più in ragione dei rilevanti contributi pubblici ricevuti.

legambiente-Arcobaleno