20 luglio 2017

Maggio 2017: attività di consiglio, commissioni … ma non solo

P_20170514_191905_SRES

Le mie attività di maggio 2017 in consiglio, commissione … ma non solo
Un maggio ricco di impegni e di eventi, tra riunioni di consiglio, commissioni e incontri a cui ho preso parte per parlare e discutere su alcuni dei temi più caldi non solo per noi della Regione, ma per tutti i cittadini. Mi riferisco per esempio all’incontro sui vaccini, sulla mafia, sulla, immigrazione e su alcune città vicine a Milano che vogliono riprendersi i propri spazi. Momenti importanti di condivisione e di riflessione che sono parte fondamentale del mio lavoro e del mio percorso in Regione Lombardia. Tanta la voglia di stare insieme, di condividere, grazie agli incontri fatti durante questo mese con professionisti, ma soprattutto con i cittadini, anche quelli più giovani, il nostro futuro, che sono venuti a trovarci in Regione.

3 maggio 2017
Consiglio di interrogazioni e mozioni: molte votazioni, fra cui la nostra interrogazione all’assessore Francesca Brianza sui finanziamenti al centro anti-violenza “la Stanza dello Scirocco” di Corsico e la mozione sul riordino delle autonomie locali.
Eccomi al lavoro con i miei colleghi Roberto Bruni, Daniela Mainini e Michele Busi

Era Maroni stesso che aveva proposto una commissione speciale su autonomie locali e tavoli istituzionale nelle varie province per semplificare, discutere ridurre tutti i vari livelli locali… Ora la maggioranza ha votato contro la ripresa del percorso iniziato più di un anno fa sostanzialmente votando contro se stessa!!
RIORDINO AUTONOMIE, dal centrodestra messaggio chiaro: game over per la legislatura, ora si fa solo propaganda.
“Con questo voto, il centrodestra ha parlato chiaro: game over, la legislatura è finita, da qui in avanti la maggioranza fa solo propaganda e non affronta le questioni. Un brutto messaggio, ma tant’è. Non si può davvero spiegare altrimenti il fatto che Lega e alleati abbiano bocciato la nostra richiesta di riprendere il percorso di riforma delle autonomie locali proposto a suo tempo dal presidente Maroni e ormai da mesi al palo”.
Lo afferma il nostro capogruppo Roberto Bruni dopo che la maggioranza ha affossato con 30 voti contrari la mozione sul tema presentata dal Patto Civico e discussa oggi in Aula. “La sfida del riordino territoriale è ancora aperta e il processo ha bisogno di ripartire con un’ampia discussione. Il governatore si era impegnato in tal senso un anno fa istituendo un comitato per le riforme e attivando tavoli provinciali che poi si sono fermati. Da qui la nostra richiesta di tornare a occuparsi dell’argomento. Ma il centrodestra preferisce abdicare alle proprie responsabilità e buttarla in politica politicante, lasciando così irrisolti i tanti problemi legati alla sovrapposizione di competenze e alla confusione dei livelli di governo. Una scelta che lascia esterrefatti oltre che delusi”

10 maggio 2017 … in consiglio si hanno anche queste bellissime visite
Ho fatto da Cicerone insieme ai bravissimi funzionari del Consiglio P_20170510_115350_SRESRegionale ai ragazzi di prima e seconda superiore del Liceo Scienze Umane “Preziosissimo Sangue” di Milano. È stata una bella visita, credo per loro utile a dipanare dubbi su che cosa fa e come lo fa Regione Lombardia. Dopo l’aula consigliare siamo saliti al 31esimo piano per una veduta panoramica di Milano che dai ragazzi è stata definita da lassù come “un grande plastico”. Posso fare una menzione speciale alle ragazze davvero attente e curiose?

15 maggio 2017
Oggi, insieme a Raffaele Cattaneo, ho ricevuto una delegazione della Commissione Agricoltura, Pesca e Politiche foto fiandrerurali del Parlamento delle Fiandre, guidata dal Vice Presidente Bart Dochy. Durante l’incontro abbiamo approfondito diversi temi, dalle aspettative verso le politiche agricole e, in particolare, rispetto agli impatti della crisi, della volatilità dei prezzi e delle evoluzioni nel mercato europeo e mondiale, alle politiche di sostegno e collaborazione verso le cooperative di produzione e alla necessità di sostenere la promozione dei prodotti locali in ambito regionale e internazionale. Ai lavori hanno preso parte anche alcuni componenti della Commissione regionale lombarda “Agricoltura, Montagna, Foreste e Parchi”. Un bel incontro utile e produttivo!

15 maggio 2017
Ho partecipato all’incontro promosso dal Rotary Club Milano Fiera – Distretto 2041 Italy sulla sanità lombarda.
rotary2Come sempre la parola ricorrente quando si parla di sistema sanitario lombardo è “eccellenza”: temo che ormai lo facciamo più per abitudine che per esperienza vissuta. Temo, invece, ci stiamo un po’ appiattendo e che abbiamo perso la spinta innovatrice che aveva permesso alla nostra sanità di essere un’avanguardia… forse un cambio al vertice non farebbe male per riprendere quella spinta.

 

 

16 maggio 2017 legge semplificazione
I fatti degli scorsi giorni con i battibecchi tra Maroni e Salvini come temevamo si trasformano in forzature politiche in aula! Il tutto ovviamente a danno dei lombardi!
Maroni teme spaccature in aula e blinda la semplificazione. Impedito voto segreto, grave strappo regolamentare.
Bocciate le nostre pregiudiziali
“Siamo alla dittatura della maggioranza: bando alle regole perché tanto il centrodestra fa quello che vuole. E intanto Maroni blinda il provvedimento con una motivazione che non sta né in cielo né in terra per mettersi al riparo dai guai tra alleati”. Lo dichiara il nostro capogruppo Roberto Bruni, che commenta la bocciatura in Aula delle pregiudiziali presentate dal Patto Civico sulla legge di semplificazione e contesta la richiesta del presidente Maroni di non consentire il voto segreto sul provvedimento annoverandolo come parte del programma di governo, ai sensi dell’articolo 79 del regolamento generale del Consiglio. “Ma non è pensabile – spiega Bruni – che tutte le disposizioni del progetto di legge, che riguardano i più disparati argomenti, siano ascrivibili al programma di governo. Vi rientrano forse le api, sulle quali pur siamo chiamati a votare? Si tratta evidentemente di uno strappo regolamentare molto grave, frutto della volontà di evitare scomode spaccature e di conculcare i diritti della minoranza. Chi richiama le norme viene tacciato di essere un burocrate e questo atteggiamento non possiamo davvero accettarlo”.

18 maggio 2017 visita della VI commissione.
Visita al Centro Meteorologico Regionale di Milano Linate: una reale eccellenza in campo scientifico e formativo unica in Lombardia.
Nel processo riorganizzazione del Ministero della Difesa si è deciso di chiudere Centro Meteorologico di Milano a IMG-20170518-WA0012Linate. Questa mattina insieme ad alcuni colleghi del Consiglio regionale della Lombardia lo abbiamo visitato. Abbiamo scoperto una realtà interessante e attiva che dà supporto sia a enti civili che militari con l’analisi dei dati e le previsioni di diffusione nell’aria di inquinanti con flussi e correnti. Hanno in essere anche convenzione con Arpa a cui forniscono dati rilevati da una sonda lanciata 2 volte al giorno nell’atmosfera fino a 35 Km di altezza. Chiudere questa stazione sarebbe un problema rispetto alla rilevazione e raccolta dei dati sui flussi di inquinamento fatti da 0 a 3 km di altezza soprattutto per quanto concerne le previsioni sul movimento inquinanti.
Alle attività scientifiche si affiancano quelle di carattere educativo e formativo, con scuole che vanno in visita, tirocini per le scuole superiori e universitari che svolgono qui i progetti di tesi di laurea.
La giunta si prese a giugno l’impegno di rivalutare la dismissione del centro, ma a oggi nulla è stato fatto. Insisteremo affinché gli impegni presi siano rispettati!   
Video lancio sonda

23 maggio 2017
Anche in Consiglio regionale abbiamo commemorato Giovanni Falcone con la triste consapevolezza che forse ha falconeavuto più amici dopo la morte che non prima.
“La cultura del sospetto non è l’anticamera della verità, è l’anticamera del khomeinismo. La cultura del sospetto è sempre figlia della calunnia!” Oggi ricordiamo Giovanni Falcone, lo ricordiamo per non dimenticarlo mai!

 

 

Sono intervenuta in Consiglio nel dibattito della legge sul consumo di suolo. Con questo progetto di legge (il PDL 348) di fatto si avvieranno delle deroghe temporali ulteriori, che non aiuteranno a limitare definitivamente il consumo di suolo e soprattutto non permetteranno di intaccare quei 500 milioni di metri quadri che già i PGT avevano in pancia! Insomma si rischiano deroghe incontrollate che evidentemente a questa maggioranza vanno benissimo! link intervento PdL 348

CONSUMO DI SUOLO: con il progetto di legge votato oggi alto rischio di deroghe
foto consiglio 2017 05 23“Di fatto con il PDL 348 sul “consumo di suolo” si avvieranno delle deroghe temporali ulteriori, che non aiuteranno a limitare definitivamente il consumo di suolo e soprattutto non permetteranno di intaccare quei 500 milioni di metri quadri che già i PGT avevano in pancia. E’, però, pur vero che esistono delle innegabili ragioni anche da parte dei Comuni e degli operatori”. Così ho commentato l’astensione di oggi del Patto Civico sul PDL 348 sulla cosiddetta “legge ammazza suolo”. “Se non si riuscisse a trovare un modo per sbloccare certe situazioni a livello locale si rischierebbe di abbandonare diversi comuni a una fase di stallo di fronte a situazioni al momento non risolvibili. Senza contare il rischio concreto che alcuni comuni si ritrovino con un certo numero di contenziosi con gli operatori. E lo stesso discorso vale per gli operatori dell’edilizia che stanno ora faticosamente uscendo da un periodo di profonda crisi in attesa di una boccata di ossigeno”

…. e nelle commissioni … gli argomenti principali trattati.

Commissione I – Bilancio e programmazione
Ha approvato in sede deliberante, all’unanimità, la RIS n. 0091 (in merito alla comunicazione della Commissione al Parlamento Europeo e al Consiglio, relativa alla valutazione dell’attuazione della strategia dell’UE in materia di droga 2013/2020, e del relativo piano d’azione di lotta contro la droga 2013/2016).
La Commissione ha approvato a maggioranza la PDA n. 0056 (Rendiconto del Consiglio regionale per l’esercizio finanziario 2016).
Anche quest’anno si sono contenuti i costi: i costi della politica ammontano a 2,46 euro all’anno per cittadino, in diminuzione rispetto ai 2,48 del 2015. Rispetto al 2015, il Consiglio regionale ha speso 730.000 euro in meno per i vitalizi: la Lombardia, sul tema, è intervenuta con la legge regionale del 2011 che ha cancellato ogni forma di vitalizio per i nuovi consiglieri e con la legge del 2014 che ha innalzato l’età “pensionabile” e ridotto le somme corrisposte a quanti avevano ottenuto la contribuzione prima del 2011. Rispetto al 2013 anche le spese dei gruppi consiliari sono diminuite del 62%, scendendo da oltre 1 milione e 400mila euro alle attuali 500mila euro.
In ordine alla REL n. 0094 (Relazione annuale sulla semplificazione per l’anno 2017), la Commissione ne ha preso atto a maggioranza,
Si è svolta l’audizione congiunta con la V Commissione “Territorio e infrastrutture” con l’Assessore alle Infrastrutture e mobilità, A. Sorte, sulle risultanze della riunione del GECT Reno – Alpi.

Commissione V – Territorio ed infrastrutture
Nel corso della seduta, l’interrogazopne ITR n. 3227 (relativa al trasferimento delle facoltà universitarie di Città Studi nel sito Expo) è stata svolta, alla presenza dell’Assessore al Reddito di autonomia e al post Expo, F. Brianza. Sempre durante la medesima seduta, si è tenuto l’incontro con il Presidente di Federcasa Lombardia per l’illustrazione degli obiettivi delle ALER
Si è svolta l’audizione congiunta con la I Commissione “Programmazione e bilancio” con l’Assessore alle Infrastrutture e mobilità, A. Sorte, sulle risultanze della riunione del GECT Reno – Alpi. Nel corso della successiva seduta, la PDA n. 0055 (relativa alle controdeduzioni alle osservazioni sul P.T.R. d’area “Franciacorta”) è stata esposta dal relatore e dai tecnici di Giunta.
La Commissione ha infine espresso parere favorevole a maggioranza, con osservazioni, alla II Commissione in ordine alla più volte citata REL n. 0094

Commissione VI – Ambiente e protezione civile
Si è svolta l’audizione con vari soggetti in merito all’autorizzazione alla costruzione di un impianto per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, ubicato nel comune di Corteolona e Genzone. Successivamente, ha avuto luogo l’audizione con il Professor R. Cenci sulla MOZ n. 0773 (relativa all’applicazione di migliori metodologie per il monitoraggio ambientale dell’aria e del suolo).
Durante la successiva seduta, si è tenuto l’incontro con l’Assessore C. Terzi e con la D.G. Ambiente, energia e sviluppo sostenibile, relativamente a un aggiornamento sul documento di azione regionale per l’adattamento al cambiamento climatico della Lombardia.
Si è svolta la visita al Centro meteorologico dell’Aeronautica militare di Milano Linate
Si è svolta l’audizione con vari soggetti in ordine alla MOZ n. 0811 (afferente linee guida per i Comuni per l’impiego dei fertilizzanti sui suoli, in particolare relativamente allo spandimento dei fanghi di depurazione).
Nel corso della successiva seduta, ha avuto luogo l’incontro con la D.G. “Ambiente, energia e sviluppo sostenibile” in merito alla MOZ n. 0773 (relativa all’applicazione di nuove metodologie per il monitoraggio ambientale e sanitario dell’aria in Regione Lombardia) e alla succitata MOZ n. 0811, e, relativamente a quest’ultima, congiuntamente alla D.G. “Welfare”.
Da ultimo, la Commissione ha espresso parere favorevole a maggioranza alla II Commissione in ordine alla succitata REL n. 0094.

Comitato paritetico di controllo e valutazione
Esame della relazione n. 86 “Relazione ai sensi dell’art. 5 della l.r. n. 21/2013 ‘Misure a favore dei contratti e degli accordi sindacali di solidarietà” . link all’esame della rel.86
Esame della REL X/94 – Relazione annuale sulla semplificazione – edizione 2017 – ai sensi dell’art. 1 comma 3 delle l.r. 8 luglio 2014, n. 19″. Link all’esame della rel. 94
Esame della relazione n. 95 “Relazione biennale, ai sensi del comma 2, art. 31 sexies, (clausola valutativa) della l.r. 31/2008 (Testo Unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste pesca e Sviluppo rurale), modificato dalla l.r. 26 novembre 2014, n. 30”. Link all’esame della rel_95

 

ma non solo … maggio è stato un mese molto ricco di spunti e di impegni: vaccini, expo, amministrative, mafia, migranti, Cologno, Rozzano, Buccinasco, Corsico, Cesano …

2 maggio 2017
Expo è stata un’opera importante da terminare in tempi ristretti. Oggi restano crediti, debiti e opere da smantellare ma come si è riusciti ad arrivare in tempo per l’apertura di Expo sono certa si riuscirà a terminare, anche se magari con un po’ di ritardo, e a chiudere tutte le partite… Insomma se pensiamo che per la Salerno-Reggio Calabria ci sono voluti 30 anni, qui le cose vanno decisamente verso un’altra direzione!
Milano, due anni dopo Expo: dal padiglione Alitalia al rebus dei conti, tutti i nodi ancora aperti.
Il Primo maggio di due anni fa a Milano Expo veniva inaugurata e si aprivano i cancelli di Rho-Pero. Oggi, dei 53 padiglioni dei Paesi, 8 devono essere smontati. Ma la storia di Expo spa non è finita: la liquidazione della società è ancora aperta, tra crediti da recuperare, accordi con le aziende costruttrici da trovare, e fornitori da pagare. Il sipario calerà nel 2021, anche se il collegio dei liquidatori ha appena chiuso un bilancio che migliora i conti di 11 milioni e si prepara a passare il testimone al prossimo commissario unico per la liquidazione, Gianni Confalonieri. Ecco tutti i nodi ancora aperti di Expo, la grande opera del 2015: link all’articolo.

3 maggio 2017
I 5 Stelle spesso si muovono in modo non chiaro su questioni di importanza nodale. Una volta accade sulla sanità e sulla questione vaccini, la volta dopo sul referendum per l’autonomia e ultimamente anche sulla questione sbarchi non si sono risparmiati. Sembra quasi si cerchi il facile consenso su alcuni temi. Il problema è che spesso questo accade sulle spalle della gente, tanto che in questo caso anche il The New York Times

4 maggio 2017
Un incontrP_20170504_141723o di formazione per noi consiglieri: diritti umani e comunicazione fra le culture. Diritti e culture, un tema che fa molto riflettere soprattutto se pensato in questa Lombardia a trazione leghista. Onore al merito a Raffaele Cattaneo per aver organizzato questo momento formativo dedicato a consiglieri e funzionari soprattutto visto l’argomento non sempre gradito alla sua maggioranza. Peccato che solo 5 consiglieri su 80 fossero presenti: forse le defezioni erano dovute al poco gradimento? A pensar male si fa peccato, ma…

 

 

11 maggio 2017 Rozzano
Serata a Rozzano per l’incontro con Nando dalla Chiesa e David Gentili sulle Mafie nelle regioni del Nord, dalla P_20170510_215121_SREScultura del favore allo stato di diritto. Come sempre è stato un incontro importante per fare il punto sull’infiltrazione della mafia al Nord: un fenomeno che ormai non può più essere preso alla leggera. In particolare in realtà come quelle del Sud Milano le organizzazioni mafiose, tipicamente n’drangheta, si sono insediate in comuni ben gestiti, non nel degrado sociale. Dai loro racconti è emerso come a volte i provvedimenti giudiziari tendano a favore di questi gruppi, soprattutto nei gradi dopo il primo che invece ne aveva visto la condanna. Conoscere le dinamiche della malavita significa fornire uno strumento per cercare di difendersi dal suo tentativo di infiltrarsi dentro la nostra quotidianità.

 

 

 

13 maggio 2017 Cologno
Purtroppo non ho potuto partecipare a questo importante e sentito momento di manifestazione organizzato dal Comitato 16 Marzo contro la decisione del sindaco di Cologno Monzese di chiudere il centro interculturale delle donne e la scuola di italiano per stranieri. Sono state raccolte più di 1700 firme per dire NO alla chiusura del centro interculturale donne #nochiusuracentrointerculturadonne e a favore della #cultura: si parla di integrazione di quanti sono arrivati nel nostro paese, di conoscenza reciproca di valori e cultura e poi si decide di chiudere i luoghi dove questi interventi sono attivi e funzionanti da più di 18 anni e utili non solo agli stranieri ma anche ai cittadini italiani di Cologno. Il coinvolgimento di donne, bambini, famiglie e la conoscenza dell’italiano sono le basi fondamentali per l’integrazione.  Sindaco Rocchi #ripensaci

15 maggio 2017Le rotte dell’accoglienza
Una città forte non ha paura dell’immigrazione: è un fenomeno imponente che ha bisogno di interventi non solo a virginialivelli nazionali ma soprattutto europei. il trattato di Dublino lascia le decisioni solo alla “geografia”: da rivedere. Straordinaria azione umanitaria che viene offuscata: e’ in atto una criminalizzazione della solidarietà ingiusta ed inopportuna. Nel caso ci fossero si isolino le mele marce.
Insieme ad Elena Galimberti e Virginia Invernizzi. E’ stata una conversazione a più voci sul tema “Le rotte dell’accoglienza” organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio al Memoriale della Shoah Milano con Pierfrancesco Majorino, Marzia Pontone e tanti altri che hanno raccontato quanto sia importante che ognuno di noi porti il proprio contributo alla costruzione di una città senza muri. Una frase detta dal rappresentante di Gente di pace credo possa riassumere il senso della marcia del 20 maggio: Accogliere significa ascoltare! Facciamolo. Camminiamo insieme e ascoltiamo le storie di chi cammina con noi! #20maggiosenzamuri

 

19 maggio 2017Minori non accompagnati
minori stranieri non accompagnati presenti in Italia, con l’obiettivo di rafforzare le tutele nei confronti dei minori e garantire un’applicazione uniforme delle norme per l’accoglienza su tutto il territorio nazionale. Il comitato M’Impegno ha organizzato una interessante serata con la relatrice della legge on.Sandra Zampa.
Si parla di un tema quanto mai caldo e attuale, la migrazione, ma con occhio di riguardo ai minori, che sempre in maggior numero, 25000 nel 2016, fuggono dai loro paesi d’origine alla ricerca di un futuro migliore. Come accoglierli? Come fare in modo che gli siano garantiti i diritti fondamentali dell’istruzione e della sanità? Sono diversi i problemi che ancora devono essere superati, servono norme specifiche che agevolino questa categoria di migranti che necessita di trattamenti particolari vista la giovane età, anche sotto i dieci anni! Un aiuto sia legale, che psicologico per sostenerli al meglio in questo complesso percorso.
“Tema su cui non si deve fare politica o polemica”.

19 maggio 2017Corsico, assemblea cittadina.
Riprendiamoci la nostra città: assemblea cittadina organizzata da “Insieme per Corsico”.
Una città con ancora diversi problemi da risolvere come l’infiltrazione mafiosa, il problema delle abitazioni, zone abbandonate, trasporti poco efficienti e non adatti ai disabili, e un contesto scolastico e sociale ancora da rivedere. Se qualcosa è stato fatto per migliorare alcuni di questi aspetti, ancora tanto c’è da fare e da valutare. Il peggioramento che si è percepito in città in questi due anni, dato forse anche dalle ripercussioni della crisi sui servizi, necessita un’inversione di rotta. Bisogna intervenire sotto vari aspetti e per fare questo è necessario che enti e associazioni tornino a collaborare come una volta.

20 maggio 2017 #20maggiosenzamuri
Oggi la marcia a Milano: io credo che l’inclusione sociale non possa essere più pensata in termini di emergenza ma indifferenzadeve essere necessariamente calata in un contesto strutturale. Non possiamo più scegliere se esiste una questione, ma dobbiamo agire perché la questione esiste!

Pretesa assurda, allora chiudiamo gli stadi? un mio commento

 

24 maggio – Istituto tecnico Schiapparelli
Gli studenti hanno incontrato alcuni rappresentati civici fondatori del Movimento Milano Civica -MMC-, nato dalla lista di supporto a Giuliano Pisapia nel 2011 e tutt’ora presente con consiglieri comunali e municipali.

24 maggio – Vaccini: impatto su salute e società
Link al programma e sintesi degli interventi della giornata di studio
Le vaccinazioni rappresentano uno dei progressi fondamentali della medicina; il numero di vite umane salvate annualmente grazie vicini ai vaccini è dell’ordine di molti milioni. Una tempestiva campagna vaccinale rappresenta probabilmente la più importante risposta a nuove pandemie che insorgono in diverse aree del mondo. Cattura2Ma nonostante che le ricerche scientifiche ed epidemiologiche comprovino l’efficacia e la necessità dei vaccini, in alcuni settori della società si riscontrano disinformazione e reazioni ostili, le cui implicazioni hanno pericolose ricadute sulla salute dell’intera popolazione, particolarmente sulle fasce infantili e meno protette.
Queste situazioni richiedono da un lato l’impegno per la ricerca e lo sviluppo di nuovi vaccini e per una migliore informazione sulla loro sicurezza ed efficacia e dall’altro chiamano ad una riflessione sugli aspetti culturali e sociali connessi alla terapia vaccinale.
Interessante convegno organizzato dall’ Istituto Lombardo Accademia di Scienze e Lettere: un pomeriggio sulle vaccinazioni con interventi del dottor Mantovani (vaccini e solidarietà e salute globale), del dottor Grignolio (basi neuroevolutive dei timori verso i vaccini) e del dottor Burioni (Vaccini: la scienza e le bugie) et al.
La letteratura scientifica offre dati inequivocabili che dimostrano come le vaccinazioni siano oggi sicura ed efficace e di come in passato siano state l’intervento medico-sanitario che non solo ha salvato più vite (insieme forse alla potabilità delle acque) ma che ha migliorato lo stato di salute globale permettendo un graduale allungamento delle aspettative di vita nei paesi in cui si è raggiunto una sufficiente copertura di comunità. Su internet circolano le teorie più balzane come la supposta pericolosità dei vaccini che vengono dipinte addirittura come causa di tumori, malattie autoimmuni, … con la parte del leone svolta dalla famigerata quanto falsa tesi secondo la quale i vaccini avrebbero un ruolo causale nell’autismo.
In realtà i vaccini sono i farmaci più sicuri che abbiamo gli effetti collaterali gravi sono rarissimi e spesso consiste in una grave reazione allergica anafilassi che oltre ad essere curabile e immensamente più frequente quando un bambino mangia una noce o viene punto da una vespa. I vaccini non causano l’autismo l’epilessia e altre gravi malattie la scienza lo afferma con certezza dimostrando con i numeri che l’incidenza di queste sindromi è identica tra i vaccinati e non vaccinati.
I vaccini non sono solo un atto di protezione individuale come il casco le cinture di sicurezza, sono un atto di doverosa responsabilità sociale perché chi non vaccina i propri figli non mette in pericolo non sono loro, e già su questo ci sarebbe da discutere, ma i figli degli altri e l’intera società. I vaccini rappresentano un 1% di fatturato a livello mondiale per le grandi multinazionali.

 

26 maggio 2017
Con Beppe Sala a Buccinasco per sostenere la candidatura di Rino Pruiti. Molti sarebbero i punti su cui Regione Lombardia potrebbe intervenire, se pensiamo che – al di ĺà delle aree inerenti al Comune – tutto il Parco Sud è un IMG-20170526-WA0006interlocutore che meriterebbe diversa attenzione da parte del Governo regionale. Purtroppo, però, tale attenzione manca, né si intravvede una progettualità capace di aggregare e mobilitare risorse finanziarie utili allo sviluppo del territorio. Invece di affrontare concretamente, con soluzioni appropriate le tante esigenze di un territorio complesso ma anche ricco di opportunità come è quello di Buccinasco, invece di dotare di strumenti la Città Metropolitana, si sventola strumentalmente il vessillo del referendum. Che è strumentale perché tutto giocato ideologicamente, a scaricare sullo Stato le responsabilità dei bisogni concreti dei cittadini, sottraendosi invece alla responsabilità anche legislativa di predisporre strumenti e progetti per il territorio per valorizzare le istituzioni locali come Buccinasco!

… e per concludere la serata a Cesano Boscone dove Salvatore Borsellino è intervenuto a raccontare della famosa agenda rossa.
locandinaIl 19 luglio 1992 un boato ruppe il silenzio di Via D’Amelio, a Palermo. L’attentato di stampo mafioso costò la vita al magistrato Paolo Borsellino e alla sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

È ai nastri di partenza l’Agenda Ritrovata, il progetto per ricordare Paolo Borsellino e la sua agenda rossa, scomparsa il giorno dell’attentato, 25 anni fa, nata da un’idea dell’associazione L’Orablù di Bollate. Una copia di quella agenda sarà portata lungo tutta l’Italia in bicicletta, partendo da Bollate il 24 giugno e arrivando a Palermo il 19 luglio: sarà consegnata a Salvatore Borsellino, che compirà il primo tratto di questo viaggio da Ivrea a Bollate a cavallo della sua bici.
L’agenda ha percorso l’Italia di regione in regione, per essere riempita di parole, testimonianze e storie, per commemorare l’anniversario della morte di Paolo Borsellino e della sua scorta.

29 maggio 2017
Ho partecipato all’incontro “Dall’Europa alla città. Il futuro di Milano fa innovazione e solidarietà
P_20170531_121423P_20170531_121429E’ stata un’occasione importante per spiegare alla città il programma di interventi finanziato con i fondi europei PON Città Metropolitane 2014-2020. Per la città metropolitana di Milano sono disponibili circa 40mln euro.negli ambiti di Agenda Digitale, Mobilità e Inclusione Sociale. Abbiamo diviso i lavori in tre momenti: i “Dialoghi”, durante il quale si è parlato dell’opportunità strategica che offre la combinazione di diverse risorse europee per il futuro di Milano; i “Progetti”, dove sono stati illustrati alcuni dei progetti PON METRO MILANO più significativi e le “Voci”, in cui è stata data parola ad alcuni stake-holder della realtà milanese.

 

ed in serata
abbiamo organizzato l’incontro dal titolo: “Populismi: Europa e non solo”, relatore prof. Padoa-Schioppa.
populismo Un momento utile di approfondimento e discussione! Da una all’altra sponda dell’Atlantico i populismi si diffondono e mettono in discussione istituzioni ed equilibri che hanno retto da oltre settant’anni la società e la politica dell’occidente permettendo, per la prima volta, un così lungo periodo di pace e di welfare. Le responsabilità sono certo diverse, e fra queste la globalizzazione ha forse il primo posto, conteso dalla politica che non riesce ad interpretare le domande della società.